dresscodebiz - tilancio - womanforlike

‘Punto ad arrivare ad almeno 3.000 abitanti, ora siamo in 2.200’. Come intende ottenere questo risultato? ‘Con servizi di qualità, che spingano le persone a decidere di vivere da queste parti’. Sono le parole di Maurizio Paladini, 74 anni, neo-rieletto sindaco di Montefiorino (Mo) al suo sesto mandato. ‘Mi sarebbe mancato tantissimo il Comune, se non fossi stato rieletto. Ormai è la mia vita. Ora voglio qualcosa di più per la mia terra, con una popolazione maggiore, potremmo ricreare una comunità forte, coesa, che guarda al futuro con più speranza’ spiega Paladini. E perché qualcuno dovrebbe decidere di vivere in questo territorio montano, prima Repubblica partigiana, durante il secondo conflitto mondiale? ‘Perché qui si sta bene’ sottolinea. Otto frazioni. Tema spinoso da anni è la viabilità. A Montefiorino si arriva per strade che, per geomorfologia del territorio, sono in serpentina. Le classiche strade di montagna pien di curve. ‘Non vogliamo la costruzione di infrastrutture viarie nuove, serve essere realistici, ma sistemare le vie attuali con un poderoso investimento della Regione da 10 milioni di euro. La valli del Dolo e del Dragone hanno la loro dignità. Anche e soprattutto da un punto di vista turistico. Possiamo offrire tanto, con la nostra storia e la caratteristiche paesaggistiche. In serbo, abbiamo la realizzazione di una ciclovia, ed è stata posata completamente la fibra. Voglio finire questo mondato a 3.000 abitanti’. Il problema dello spopolamento montano è un tema classico del nostro Paese. Serve creare attrazione ed attrattività per luoghi ‘minori’ dove concentrare servizi, per una qualità della vita migliore. Avvantaggiata dal vivere in contesti naturali gradevoli, come la recente pandemia ci ha insegnato. Con tecnologie adeguate si può vivere e lavorare ovunque. Intanto arriva la Mostra mercato del Tartufo modenese, interrotta per due anni a causa della pandemia: 30-31 ottobre e 1 novembre, a Montefiorino.